Home > Editoria > PER VINO E PER SEGNO DI MENON E IL PREMIO BANCAREL'VINO 2005

PER VINO E PER SEGNO DI MENON E IL PREMIO BANCAREL'VINO 2005

"Bancarel'Vino 2005" ha aggiunto un pizzico di "sapore" in più assegnando al secondo volume Per vino e per segno di Paolo Menon il secondo posto al concorso di Mulazzo (Ms) dedicato alle pubblicazioni di settore.
Paolo Menon, cinquantatre anni, residente a Perego da quindici, è stato il sensale di un fortunato matrimonio fra il mondo dell'arte e quello di Bacco.
Già lo scorso anno era uscito, edito dal Centro Diffusione Arte di Milano, il primo volume Per vino e per segno con una raccolta commentata delle più belle etichette d'autore che hanno vestito le bottiglie del migliore vino italiano (opera finalista dello stesso Premio Balcarel'Vino 2004).
"Sono vent'anni di storia del vino e di storia dell'arte – ha spiegato Menon – dal 1980 al 2000". La passione per questo connubio è nata in Menon diversi anni fa, quando gli era stato regalato un "Libecchio bianco di Sicilia" del Barone di Turolifi con etichetta di Renato Guttuso. E' stata la scintilla giusta per la sensibilità artistica di Menon, art director di varie pubblicazioni fra cui il periodico "Amica". Da allora a oggi ha collezionato oltre 400 etichette su altrettante bottiglie che portano la firma di grandi autori di tutto il mondo.
"Il mio sogno – ha continuato – è quello di avvicinare la gente comune all'arte tramite il vino. Unire così il piacere del gusto a quello della vista, carpire lo sguardo intellettuale di chi si approccia a bere un buon bicchiere di vino per poi visitare una galleria d'arte. Questo secondo premio Bancarel'Vino è un'altra conferma che sono sulla strada giusta". (...)
Nei due volumi, con una sapiente veste grafica, vengono presentate le etichette di vini e per ognuna di queste una scheda dell'artista che l'ha disegnata, del vino e i dati dell'azienda produttrice.
"I due volumi – ha proseguito con un certo orgoglio Menon – sono serviti anche per la preparazione di due tesi universitarie per lauree a indirizzo Design e comunicazione".
La sua esperienza, riconosciuta ormai a livello internazionale (è stato di recente anche alla Columbia Universty), è stata richiesta per far parte della giuria del primo premio "Bancarella" dedicato alle etichette del vino che si è svolto domenica scorsa. Proseguendo sul suo cammino fra arte e Bacco, Paolo Menon sta lavorando ad una terza pubblicazione. "Si tratta di accompagnare il lettore nella storia dell'arte indicandogli le opere che fanno riferimento al vino, ai brindisi, alla vite." (...)
Menon, pittore, scultore, art director, dedica ora le sue opere artistiche al mondo dionisiaco. Il prossimo 2 settembre con le sue retrotele e i suoi libri inaugurerà la Galleria Museale di Villa dei Cedri a Valdobbiadene.

RASSEGNA STAMPA
Da: "Un sensale di matrimonio fra arte e Bacco", © Giornale di Merate, 9 agosto 2005