Nella foto, da sinistra: Paolo Menon consegna il calice «Getsemani» – un multiplo in bisquit di porcellana e oro – a Mons. Dino De Antoni, arciverscovo metropolita di Gorizia, in occasione dei festeggiamenti per il quarantennale della Cantina Produttori Cormons. La serata è stata condotta con grande successo dal noto giornalista Bruno Pizzul. (Immagine di Alessandro Buldrin)
Home > Arte > Il calice Getsemani a Mons. Dino De Antoni, arcivescovo metropolita di Gorizia

Il calice Getsemani a Mons. Dino De Antoni, arcivescovo metropolita di Gorizia

È stata davvero una grande festa, quella organizzata per i quarant’anni della Cantina Produttori Cormòns. Oltre 600 sono stati gli invitati alla cena di lunedì nella sede di via Vino della Pace e tra loro numerosissimi i personaggi della vita politico amministrativa isontina presenti che hanno portato i saluti degli enti che rappresentano. A metà serata il presidente della Regione Renzo Tondo, che per precedenti impegni non era potuto essere presente, è intervenuto in collegamento telefonico ricordando come conosce bene la realtà vitivinicola cormonese e in particolare la Cantina Produttori ed il lavoro che svolge per garantire sempre un’ottima qualità dei suoi prodotti e promozione del territorio. È stato poi letto il messaggio che il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha inviato nel quale ha augurato ai soci ed agli amministratori del sodalizio cormonese i migliori auguri di buon lavoro. L’intervento centrale della serata è stato tenuto dal presidente Adriano Drius, che ha ricordato la storia della Cantina Produttori sin dalla sua nascita, avvenuta nel 1968, fino a oggi rievocando tutte le vicissitudini accadute in questi primi quarant’anni di attività: «La creazione della Cantina Produttori - ha sottolineato con orgoglio - é stata una scommessa vinta».
Nel corso della serata poi é stato donato all’arcivescovo di Gorizia Dino De Antoni un calice da Messa (il «Getsemani») realizzato dallo scultore e scrittore Paolo Menon, che ha tenuto a ricordare che il prototipo era stato donato in precedenza al Papa. È stato poi presentato il libro «Il Vino della Pace», volume realizzato per celebrare i quarant’anni di attività, nel quale sono presentate anche tutte le annate del Vino della Pace, ambientate ciascuna in un luogo diverso della regione. (...)

RASSEGNA STAMPA
Testo di Piercarlo Donda
Da: © Il Piccolo, 31 dic. 2008, «La nostra Cantina, una scommessa vinta», pag. 5, sez. Gorizia.