Paolo Menon, marzo 2017,
fotoritratto di Sandro Maggioni.

Home > Profile > Cenni biografici

Cenni biografici

Paolo Menon è un giornalista, grafico e scultore di origine veneta (Villanova del Ghebbo, Rovigo, 1950).  Compiuti gli studi di grafica a Milano, entra a far parte nel 1972 del team grafico redazionale della Rizzoli Editore. Giornalista praticante de La Domenica del Corriere (Corriere della Sera), diventa professionista nel 1982, quindi caporedattore e direttore artistico del settimanale Amica (Rcs Editori); con lo stesso incarico ridisegna il mensile Il Piacere (Rusconi Editore); è richiamato in seguito ad Amica per consolidare la nuova immagine, avvalendosi della creatività dei più grandi fotografi del mondo con cui si confronta ottenendo straordinari servizi fotografici sui set di Milano, Parigi e New York; approderà quindi come designer e art director alle Edizioni Condé Nast Italia.  Decine di progetti editoriali portano la sua firma negli anni Ottanta e Novanta. Scrive articoli di costume per periodici, ma soprattutto disegna giornali, libri, copertine, testate — tra cui Max (Rcs) — e ancora calendari, agende, cataloghi d’arte. Fonda a Milano lo studio di grafica giornalistica Ad Hoc in via della Moscova, sperimentando workshop e stage per giovani talenti. Dirige in seguito periodici di equitazione: Purosangue arabo magazine, Doctor cavallo e Gente di cavalli (testate da lui fondate); life style e vita in campagna: Case & Country, Venezie e Tuscany (Class Editori). Nel 2003 chiude inaspettatamente con la carriera giornalistica — già ricca di soddisfazioni —, scrive saggi e poesia intorno al mondo dell’arte e del vino, senza trascurare la passione rinata per la scultura [dionisiaco e sacro] in cui riversa energie e creatività, ricompensate da mostre di successo anche internazionali e da meritati riconoscimenti. Dal 2010 è membro de La Permanente di Milano. Hanno scritto di lui critici, scrittori, personaggi della cultura e giornalisti di quotidiani nazionali, periodici, radio, televisioni e website. Dopo aver viaggiato nelle più importanti città di mezzo mondo, nel 1990 si trasferisce da Milano a La Valletta Brianza, sulle colline lecchesi, dove vive e lavora.


A short biography

 

Paolo Menon is a graphic designer, journalist and a sculptor. He is also a member of a Milan Association for Fine Arts La Permanente. His Muse is attracted by the Dionysus’s nectar and he does not make a mystery of it. He presents his first graphic works in 1972 at the 1st Biennial for Art of Advertising in Rome. In 1976 he shows his first paintings in La Conca Gallery in Milan and in 2004 some «paintings made clearly in Dadaist technique» at the New York Columbia University.  But «Menon’s Dadaism», says Martina Corgnati, an art critic, «is not corrosive like that of Tzara’s or his colleagues, it is a source of elegance and flexibility instead». On the same occasion, Paolo Menon presents his two volumes: Per Vino e per Segno – the most beautiful artistic labels ornate Italian wine.  With his personal show Dei Tirsi Divini - Bronze light high-reliefs in the dreamlike  Temple of Dionysus in Valdobbiadene (Treviso), in 2006, Mr Menon offers some bronze figures of the vine myth or he tries to simulate it with «the contemporary hints of virtual realisms» on terracotta or  other material supports, provoking thus «a gentle disorientation in those who considers them in their essence or do not pause at the rhythm of the composition», observes the art critic Umberto Gavinelli. Mr Menon exhibited recently in Vatican, in the Maffei Marescotti Palace, in the Verona Cathedral, in Basilica of Lecco, in Malgrate Quadreria near the town of 
Lecco. The artist was invited to exhibit in the Quirinal Palace in Rome and in the 33 Contemporary Gallery in Chicago - Zhou Brothers Art Center Fundation, USA.  Mr Menon, born in Villanova del Ghebbo (Veneto Region), is a professional journalist since 1982, and the Art Director of prestigious weekly and monthly magazines during the Eighties. In the following years he signed numerous graphic projects, founded and directed specialized magazines (horseback riding, lifestyle and country life) with «graphic elegance and the originality of a  real master of visual communication», as the experts of the field acknowledge.   Having travelled in Europe, Arabian countries and all the important cities in the US, in 1990 he moves from Milan to La Valletta Brianza where he actually lives and works.  It has been written about him by art critics, writers and persons of culture. And also by journalists of the most important Italian daily newspapers and by other influential persons of weekly and monthly magazines, national radio and television and websites
Paolo Menon is a graphic designer, journalist and a sculptor. He is also a member of a Milan Association for Fine Arts La Permanente. His Muse is attracted by the Dionysus’s nectar and he does not make a mystery of it. He presents his first graphic works in 1972 at the 1st Biennial for Art of Advertising in Rome. In 1976 he shows his first paintings in La Conca Gallery in Milan and in 2004 some «paintings made clearly in Dadaist technique» at the New York Columbia University.  But «Menon’s Dadaism», says Martina Corgnati, an art critic, «is not corrosive like that of Tzara’s or his colleagues, it is a source of elegance and flexibility instead». On the same occasion, Paolo Menon presents his two volumes: Per Vino e per Segno – the most beautiful artistic labels ornate Italian wine.  With his personal show Dei Tirsi Divini - Bronze light high-reliefs in the dreamlike  Temple of Dionysus in Valdobbiadene (Treviso), in 2006, Mr Menon offers some bronze figures of the vine myth or he tries to simulate it with «the contemporary hints of virtual realisms» on terracotta or  other material supports, provoking thus «a gentle disorientation in those who considers them in their essence or do not pause at the rhythm of the composition», observes the art critic Umberto Gavinelli. Mr Menon exhibited recently in Vatican, in the Maffei Marescotti Palace, in the Verona Cathedral, in Basilica of Lecco, in Malgrate Quadreria near the town of Lecco. The artist was invited to exhibit in the Quirinal Palace in Rome and in the 33 Contemporary Gallery in Chicago - Zhou Brothers Art Center Fundation, USA.  Mr Menon, born in Villanova del Ghebbo (Veneto Region), is a professional journalist since 1982, and the Art Director of prestigious weekly and monthly magazines during the Eighties. In the following years he signed numerous graphic projects, founded and directed specialized magazines (horseback riding, lifestyle and country life) with «graphic elegance and the originality of a  real master of visual communication», as the experts of the field acknowledge.   Having travelled in Europe, Arabian countries and all the important cities in the US, in 1990 he moves from Milan to La Valletta Brianza where he actually lives and works.  It has been written about him by art critics, writers and persons of culture. And also by journalists of the most important Italian daily newspapers and by other influential persons of weekly and monthly magazines, national radio and television and websites.

Eine kurze Biographie

Paolo Menon ist ein Grafiker, Journalist und Bildhauer.  Er gehört zur Künstlerverein La Permanente aus Mailand. Seine Muse ist vom Nektar von Dionysos angezogen und er macht kein Geheimnis davon.  Er legt seine ersten graphischen Werke  im Jahr 1972 bei  der Erste Biennale di Roma für Werbegrafik vor. Im Jahr 1976 zeigt er seine ersten Bilder in La Conca Galerie in Mailand und im Jahr 2004 zeigt er einige «Bilder eindeutig mit dadaistischer Technik gemacht» an der Universität New York Columbia. «Dadaismus von Menon» sagt Martina Corgnati, die Kunstkritikerin, «ist nicht so korrosiv  wie bei Tzara oder seinen Kollegen, sondern eine echte  Quelle von Eleganz und Flexibilität». In dieser Angelegenheit präsentiert er auch seine zwei Bände: Per Vino e per Segno – die schönste künstlerische Etiketten schmücken italienischen Wein.  Mit seiner persönlichen Vorstellung Dei Tirsi Divini – Hoch-Reliefs des bronzefarbenen Lichts  im traumhaften Dionysos-Tempel in Valdobbiadene (Treviso) im Jahr 2006, bietet Paolo Menon  einige Bronzefiguren aus Weinmythos an, oder er versucht das Mythos mit «zeitgenössischen Hinweisen an virtuellen Realismen» auf Terrakotta und verschiedenen Unterlagen zu simulieren. Auf diese Weise provoziert er eine «Desorientierung in jenen, die ihrer Essenz berücksichtigen und bleiben nicht beim Rhythmus der Komposition»,  so beobachtet der Kunstkritiker Umberto Gavinelli. Neuerliche Ausstellungen von Paolo Menon: in Rom, im Maffei Marescotti Palast in Vatikan, in der Verona Kathedrale, in Basilika in Lecco, in Malgrate Quadreria, in der Nähe von Lecco. Der Künstler wurde auch eingeladen im Quirinal Palace in Rom und in der 33Contemporary Gallery in Chicago – Zhou Brothers Art Center Fundation, USA auszustellen. Paolo Menon, geboren in Villanova del Ghebbo (Region Venetien), arbeitet seit 1982 auch als Journalist und  künstlerische Leiter von berühmten Zeitungen und Zeitschriften. In den folgenden Jahren bildet er  Zahlreiche graphische Projekte und gründet und leitet spezialisierte Zeitschriften (Reitkunst, Life style und Leben auf dem Land) «mit graphischer Eleganz» und, nach den Experten des Sektors,  «Originalität von einem echten Meister visueller Kommunikation». Nachher reiste er in Europa, arabischen Ländern und den Hauptstädten in den USA, zieht er 1990 von  Mailand zu La Valletta Brianza um, wo er lebt und arbeitet. 
Verschiedene Kunstkritikern, Schriftstellern und Kultur Prominenten haben über seine Arbeit  geschrieben, sowie die Journalisten von den wichtigsten italienischen täglichen Zeitungen und andere vom Wochen- und Monatszeitschriften, vom Radio und Fernsehen und Websites.


Selezione dell'attività grafica e giornalistica / A Selection from Menon’s graphic and journalistic activity / Eine Auswahl von Menons Graphik und journalistischer Aktivität

2017-2003. Scultura, saggistica, poesia;
2003-1999. Direttore esecutivo di Case & Country, Venezie e Tuscany (Class Editori);  
1999-1992. Graphic designer consultant del Corriere Salute (Corriere della Sera); Graphic designer consultant di Ciack e Confidenze (Mondadori Editore); Graphic designer consultant di Salve e Insieme (Rcs Periodici); Graphic designer di Campus («Io amo lo studio come me stesso», Class Editori); Graphic designer consultant di Gentleman (prima versione della Class Editori); Editore, direttore e art director dei periodici Purosangue Arabo magazine, Doctor cavallo e Gente di cavalli (Paolo Menon Editore);  
1992. Graphic designer consultant di Viversani & Belli (Didieffe Editoriale);  
1990. Art director e graphic designer di Myster delle Edizioni Condè Nast Italia;  
1990-1987. Art director di Amica della Rcs Periodici;  
1987-1985. Art director e graphic designer de Il Piacere (Rusconi Editore);  
1985-1983. Art director di Amica e graphic designer fondatore di Max (Rcs Periodici);  
1982. Giornalista professionista iscritto all'Ordine Nazionale dei Giornalisti;  
1982-1981. Graphic designer consultant di Mare 2000 (Rps/Gruppo Rizzoli-Corriere della Sera);  
1980. Graphic designer della Domenica del Corriere (Corriere della Sera);  
1980-1976. Graphic designer della Fondation Europeenne Dragan;
1975. Graphic designer dello studio L'Impronta di Uboldo, Saronno (Varese);  
1974-1972. Graphic designer di Novella 2000, (Rizzoli Editore). 

Libri e cataloghi d'arte /Books and art catalogues / Buker und kunstkataloge

2017. Paolo Menon: Della vite il pianto e altre poesie (1967-2017), per i tipi di Bellavite editore, Missaglia (Lecco);
2014. Paolo Menon: Bacò brulé,
breve silloge di poesie, plaquette per i tipi dell'Associazione culturale Pelagus, Perego (Lecco);
2014. Paolo Menon: Il ponte di ferro,
racconto breve, Associazione culturale Premio Hombres, Lettopalena (Chieti);
2012. Paolo Menon: Sorsi dionisiaci,
poesia pubblicata in ottavo nell'edizione tipografica «8649» di Alberto Casiraghy, Edizioni Pulcinoelefante, Osnago;
2012. Paolo Menon: L'Uomo da Dioniso a Cristo  
(Pamphlet della III mostra personale in itinere nella Quadreria Bovara-Reina di Malgrate-Lecco e nella Basilica Romana Minore San Nicolò di Lecco, con testi critici della filosofa-teologa Beatrix E. Klakowicz e del critico d'arte Giorgio Falossi), Grafiche Bellavite;
2012. Paolo Menon: Ars sacra
(Catalogo di oggetti per uso liturgico e religioso in biscuit di porcellana e oro, bronzo e oro, pietra e materiali eterogeneii);
2011. Paolo Menon: L'Uomo da Dioniso a Cristo (Pamphlet della II mostra personale in itinere nella Cattedrale di Verona e nella Chiesa di San Pietro con testi critici della prof.ssa Marta Mai e della filosofa-teologa Beatrix E. Klakowicz), Grafiche Bellavite;
2011. Paolo Menon: L'Uomo da Dioniso a Cristo
(Catalogo di opere scultoree con testi critici dell'arch. Mario Bellini, del pedagogista-teologo don Stefano Peretti e dei critici d'arte Maurizio Bernardelli Curuz, Umberto Gavinelli e Giorgio Falossi), Edizioni Bellavite, Missaglia (Lecco);
2011-2010. Paolo Menon: Oinòdes. Le forme del bere e altre «che sanno di vino», ispirate alla mitologia ellenica, all'eros, alla religione, alla politica
(Catalogo di opere sculturali con testi critici dello storico dell'arte Maurizio Bernardelli Curuz e del critico d'arte Umberto Gavinelli), Edizioni Museo d'Arte contemporanea Remo Bianco in Franciacorta, Monticelli Brusati (Brescia);
2009. Paolo Menon: Il bello di Bacco – Appunti di viaggio nelle eleganti terre enoiche dell'arte
(con testo critico nella sezione finale Portfolio di Umberto Gavinelli e Dietro le quinte di Mario Borgese), Edizioni Centro Diffusione Arte, Milano;  
2008. Paolo Menon,
Luciano Caprile e Alessandro Molinari Pradelli: Il Vino della Pace, Catalogo d'arte, Edizioni Vino della Pace, Cormons, (Gorizia);
2006. Paolo Menon: Dei tirsi divini - Rilievi di luce bronzea nel tempio onirico di Dioniso
(Catalogo d'arte sculturale con testi critici di Giorgio Falossi e Gaspare Mura), Edizioni Altamarca, Valdobbiadene (Treviso);
2004. Paolo Menon: Per vino e per segno – Le più belle etichette d'autore vestono il vino italiano
– Vol. 2 (con testo critico di Martina Corgnati), Edizioni Centro Diffusione Arte, Milano;  
2003. Paolo Menon: Per vino e per segno – Le più belle etichette d'autore vestono il vino italiano
– Vol. 1 (con prefazione di Antonio Piccinardi), Edizioni Centro Diffusione Arte, Milano;  
1989. Paolo Menon: Breviarium ad usum equitum
(Diario del cavaliere, rilegatura in cuoio inglese), Edizioni Ad Hoc, Milano;  
1979. Paolo Menon: Concetto visuale
(Nove tavole grafiche illustrano alcuni brani tratti dalla prima enciclica «Redemptor hominis» di Papa Giovanni Paolo II);
1973. Paolo Menon: Iscariota ed E' tempo, poesie pubblicate nel Repertorio di poeti contemporanei «Orizzonti Oro», Casa editrice Orizzonti letterari, Milano;
1969. Paolo Menon: Uno spettro di carne, poesia pubblicata nell'Antologia periodica di giovani poeti italiani «Orizzonti Junior», Casa editrice Orizzonti letterari, Milano.

Riconoscimenti / Acknowledgments / Anerkennungen

2017. XII Premio letterario internazionale «Voci - Città di Abano Terme», Menzione d’onore per la Poesia edita alla raccolta «Della vite il pianto, e altre poesie (1967-2017)»;
2017. IX Premio Speciale Athos Lazzari assegnato dal Premio letterario Città di Cattolica per la raccolta «Della vite il pianto, e altre poesie (1967-2017)»;
2016. Mario Luzi, Enciclopedia di Poesia Contemporanea, poesie pubblicate nel vol.7/2016, Fondazione Mario Luzi Editore;
2015. IV Premio letterario «La locanda del Doge», bronzo per la Saggistica al volume «Il bello di Bacco», Rovigo;
2015. VII Premio di poesia Sacravita, «Per le italiche coste promesse», poesia pubblicata nell'antologia del Premio, Firenze;
2014. X Premio letterario Hombres, sezione Racconti, argento all'inedito «Il ponte di ferro», Lettopalena (Chieti);  
2014. III Premio internazionale Biennale di Asolo, diploma d’onore per la scultura;
2013. XXV Premio nazionale di poesia Giuseppe Gioachino Belli, argento e pubblicazione antologica di tre liriche inedite, Roma-Campidoglio;
2013. XXXVII Premio Mario Pannunzio, argento per Giornalismo e saggistica al volume «Il bello di Bacco», Torino;
2013. Onorificenza cittadina alla Cultura per meriti artistici, Comune di Perego (Lecco);
2010. Membro della Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente di Milano;  
2008. Gran Premio Noè, Palazzo Torriani, conferito per meriti artistici dal Comune di Gradisca d'Isonzo (Gorizia);
2006. Onorificenza cittadina alla Cultura, conferita dal Comune di Valdobbiadene (Treviso), Villa dei Cedri;  
2005. IX Premio letterario 20 libri da gustare, finalista per i due volumi «Per vino e per segno», Ass. Cult. Ca dj' Amis, La Morra (Cn);
2005. XXIII Premio letterario Bancarel'Vino, finalista per il secondo volume «Per vino e per segno», Comune di Mulazzo (Massa Carrara);  
2004. X Premio Giornalistico Bellavista Franciacorta del Ventennale, per il primo volume «Per vino e per segno», Erbusco (Brescia);  
2004. Fattoria Paradiso International Awards, attribuito al primo volume «Per vino e per segno», Bertinoro (Forlì-Cesena);
2004. XXII Premio letterario Bancarel'Vino, finalista per il primo volume «Per vino e per segno», Comune di Mulazzo (Massa Carrara);
1978. Premio internazionale (per la grafica) «Primavera Varesina», Varese;
1977. Premio internazionale (per la grafica) «Milano '77», Museo Nazionale della Scienza e della Tecnica Leonardo da Vinci, Milano;
1975. Premio internazionale d'Arte contemporanea «Artisti Oggi», Milano;
1975. Gran Premio della Stampa, Mostra internazionale di pittura, Palazzo del Turismo, Milano.

Critici e personaggi della cultura che si sono occupati del suo lavoro artistico / Critics and persons of culture concerned with his artistic work  / Kunstkritiker und Kulturprominenten die sich mit seinen künstlerischen Werke befasst haben

Mario Bellini, architetto e designer;
Maurizio Bernardelli Curuz, critico e storico dell'arte;
Stefania Bison, critica e storica dell'arte;
Luciano Caprile, giornalista e critico d'arte;
Martina Corgnati, critica e storica dell'arte;
Daniele Crippa, mercante, critico e storico dell'arte;
Enzo D'Urbano, docente e critico letterario;
Giorgio Falossi, critico e storico dell'arte;
Guido Folco, critico e storico dell'arte;
Umberto Gavinelli, critico d'arte;
Giampietro Guiotto, critico d'arte;
Beatrix Erika Klakowicz, filosofa, teologa e storica dell'arte;
Ilio Leonio, docente e critico letterario;
Paolo Levi, critico d'arte e saggista;
Marta Mai, docente e critica d'arte;
Angioletta Masiero, poetessa e critica letterario;
Marina Mojana, critica e storica dell'arte;
Gaspare Mura, teologo e filosofo delle religioni ed ermeneutica veritativa;
Pier Franco Quaglieni, critico letterario, storico, giornalista;
Salvatore Russo, critico d'arte;
Alfredo Tradigo, poeta e critico d'arte;
Pier Luigi Vercesi, giornalista e scrittore;
Carla Zullo Piccoli, docente e critica letterario;

Inoltre opinioni e testimonianze di / Also opinions and testimonials from / Auch Meinungen und Bewertungen von:

Liberio Andreatta, protonotario apostolico, vicepresidente e ad Orp; Michele Avola, giornalista; Jula Baldini, giornalista; Marco Basileo, giornalista; Roberto Barat, giornalista; Claudio Addrizzi, giornalista; Paolo Becarelli, giornalista; Rita Benatti, giornalista; Marco Benedetti, ex assessore alla cultura della Provincia di Lecco; Benedetto XVI, Papa emerito della Chiesa cattolica; Paolo Benvenuti, giornalista; Chiara Bertazzolo, giornalista; Gianfranco Bertoli, giornalista; Floriano Bodini, scultore; Susanna Bonati, grafica e comunicazione; Tarcisio Bertone, cardinale Segretario di Stato Vaticano emerito; Giorgio Bertoni, giornalista; Marco Bevilacqua, giornalista; Letizia Bordignon, giornalista; Mario Borgese, artista visivo e filosofo; Franz Botré, giornalista ed editore; Maxi Bracci, giornalista; Virginio Brivio, sindaco di Lecco; Barbara Calderola, giornalista; Gabriella Callegari, giornalista e poetessa; Massimo Calvi, giornalista; Paolo Carloni, giornalista; Mario Carulli, giornalista; Pier Luigi Buscaiolo, giornalista; Giovanna Capretti, giornalista; Enrico Casalini, giornalista; Ilaria Cecchi, giornalista; Franco Cecchin, monsignore Prevosto della basilica di san Nicolò di Lecco; Bruno Chersicla, pittore e scultore; Dario Massimiliano Cella, filosofo e recensore d’arte; Francesco Cevasco, giornalista; Stefano Cosma, giornalista e storico; recensore d’arte; Mariateresa Cerretelli, giornalista; Giovanni Codega, ex sindaco di Malgrate, Lecco; Annabella Coiro, giornalista; Gianfranco Colombo, giornalista; Giampietro Comolli, giornalista; Gianfranco Colombo, giornalista; Philippe Daverio, critico e storico dell'arte; Piercarlo Donda, giornalista; Marcello Coronini, giornalista ed editore; Alberto D’Amico, giornalista; Dino De Antoni, arcivescovo emerito di Gorizia; Federico De Nardi, giornalista;  Elisabetta Di Dio Russo, giornalista; Francesca Facchetti, giornalista; Franco Faggiani, giornalista e scrittore; Luca Falda, giornalista; Falzone Sabrina, gallerista e curatice d'arte; Antonio Finardi, monsignore della cattedrale di Verona; Carlo Flamini, giornalista; Onelio Onofrio Francioso, giornalista e scrittore; Raffaele Farina, cardinale Archivista emerito dell'Archivio Segreto Vaticano e Bibliotecario emerito della Biblioteca Apostolica Vaticana; Giovanni Galli, giornalista; Giovanni Gazzaneo, giornalista; Piera Genta, giornalista; Carlo Maria Gerevini, giornalista; Fabiana Giacomotti, giornalista; Antonio Giorgi, giornalista; Paola Greggio, comunicazione; Francesco Maria Giro, politico parlamentare, sottosegretario ai Beni culturali; Sergio Isonni, attore; Paola Jadeluca, giornalista; Rosa Lardelli, docente e curatrice d'arte; Gianfranco Lenzi, giornalista; Vanda Loda, giornalista; Danilo Maggi, giornalista; Mariarosa Mancuso, giornalista; Anna Mangiarotti, giornalista; Salvatore Mannironi, giornalista; Giorgio Martinelli, giornalista; Anna Masucci, giornalista; Stefano Mola, recensore letterario; Guido Montalto, giornalista; Simona Montella, giornalista; Claudio Mori, giornalista; Mariella Moroso, giornalista; Adriana Mulassano, giornalista; Stefano Nazzi, giornalista; Carla Novi, giornalista; Alberto G. Orefice, giornalista, critico letterario; Marc Ouellet, cardinale Prefetto della Congregazione per vescovi; Maria Luigia Pace, giornalista; Giancarla Paladini, giornalista; Carlo Pani, giornalista, Raffaele Panizza, giornalista; giornalista Paola Panzeri, ex sindaco di Perego, Lecco; Raffaele Panizza, giornalista; Piero Pantucci, giornalista; Sergio Perego, giornalista; Carlo Passera, giornalista; Stefano Peretti, sacerdote pedagogista e teologo; Claudio Pina, giornalista; Antonio Piccinardi, giornalista e scrittore; Massimo Poggini, giornalista; Arnaldo Pomodoro, scultore;  Rosanna Ratti, giornalista; Daniele Razzoli, giornalista e recensore letterario; Giovanni Battista Re, cardinale Prefetto emerito della Congregazione per vescovi; Mauro Remondino, giornalista; Claudio Rinaldi, giornalista; Emanuele Ricucci, giornalista e scrittore; Alberto P. Schieppati, giornalista; Mariella Sandrin, giornalista; Sanna Nicoletta, curatrice d'arte; Galeazzo Santini, giornalista; Scaccabarozzi Stefano, giornalista; Claudio Serra, giornalista; Vittorio Sgarbi, critico e storico dell'arte; Aurelio Sioli, giornalista; Carlo Spreafico, ex consigliere della Regione Lombardia; Giordana Talamona, giornalista; Maria Tescione, giornalista; Marina Tagliaferri, giornalista; Dionigi Tettamanzi, cardinale, arcivescovo emerito di Milano; Alessandro Torcoli, giornalista ed editore; Sandro Torrisi, docente di letteratura; Roberta Trabucchi, sindaco de La Valletta Brianza, Lecco; Giuliana Valcavi, giornalista; Paolo Maria Ventura, Prevosto vicario della basilica di san Nicolò di Lecco; Bruno Vespa, giornalista; Lorenzo Vincenti, giornalista e recensore d’arte; Roberto Vitali, giornalista; Alberto Zaina, recensore d’arte; Bernardino Zambon, sindaco di Valdobbiadene, Treviso; Luca Zanini, giornalista; Giuseppe Zenti, vescovo di Verona; Patrizia Zucchi, giornalista; Leonella Zupo, giornalista.

Esposizioni permanenti / Permanent exhibitions / Dauerausstellungen

• Museo del Tesoro del Duomo di Vigevano, Vigevano (Pavia)
• Iglesia de Los Angeles, Estancia El Milagro, La Candelaria, Salta (Argentina)
• Museo d'Arte contemporanea Remo Bianco in Franciacorta, Monticelli Brusati (Brescia)  
• Museo del Santuario di Fatima, Portogallo
• Galleria museale d'Arte contemporanea del Castello di Acaya (Lecce)  
• Galleria museale d'Arte contemporanea Altamarca - Villa dei Cedri, Valdobbiadene (Treviso)  
• Arteperbacco, associazione culturale, Conegliano (Treviso)  
• Sala consiliare del Comune di Perego, La Valletta Brianza (Lecco)
• Centro Diffusione Arte, Esposizioni d'Arte moderna e contemporanea, Milano  
• Galleria museale d'Arte contemporanea Vino della Pace, Cantina Produttori Cormons, (Gorizia)