Home > Opinions > Critica d'arte e letteraria

MAURIZIO BERNARDELLI CURUZ: IL CANTO E IL RUGGITO /THE SING AND THE ROAR

C'è un’eco di antichi canti diretti dai tirsi; c’è la danza della vite, avviluppata al cuore delle opere di Paolo Menon; un’eco lontana di valli silenti, di passi nel bosco, e file di baccanti che percorrono il crinale di un monte, lievi, col volto arrossato, le...


ENZO D'URBANO: IL PONTE DI FERRO DIVENTA ARGENTO AL PREMIO HOMBRES 2014

Premio Hombres itinerante, X edizione 2014, Lettopalena (Chieti). cerimonia di premiazione: 4 ottobre 2014.Sezione Racconti, secondo classificato: Il ponte di ferro di Paolo MenonMotivazione: «In una Milano contemporanea e grigia, la storia, con finale tragico, di un...

MARIO BELLINI: MENON ARTISTA ECLETTICO E POLIEDRICO, SCHIVO E SEGRETO

C'è un’inquietudine e una tensione costanti nell’opera di Paolo Menon. Che si avvertono ogni qual volta ci si pone davanti a un suo lavoro ma che non riguardano – come spesso capita nella scultura – la materia plasmata, anzi «domata» da lui, sempre con...

GUIDO FOLCO: SE LA SCULTURA INVITA ALLA MEDITAZIONE

Quando la classicità incontra il contemporaneo diventa arduo cogliere nella tradizione e nell'essenza del linguaggio antico un messaggio attuale declinato con spirito personale e originalità espressiva. Paolo Menon, avezzo com'è a dialogare con il mito e con la terra, rende...

MARINA MOJANA: CHE ARTE PER BACCO!

La prima volta che vidi una sua retrotela fu a New York, lo scorso 10 novembre. All’Italian Academy for Advanced Studies in America della Columbia University, tra la 116a e la 118a strada, presentavano il suo libro Per vino e per segno – Le più belle etichette d’autore...

GIORGIO FALOSSI: E L'IMMAGINE DI MENON DIVENTA TEATRO

All'eclettismo dei linguaggi usati, alla padronanza delle tecniche nelle opere di scultura, pittura e di performance, corrisponde in Paolo Menon la coerenza stilistica che porta ad una individualità ben riconoscibile e ben fuse nel rispetto di ciascuna delle varie espressioni...

BEATRIX E. KLAKOWICZ: «DAL SANGUE DEI TIRSI A DIO»

A poche settimane dall’apertura del Sinodo dei Vescovi, dedicato alla «Nuova Evangelizzazione», questa mostra delle sculture di Paolo Menon, giunge quanto mai salutare, dato che qui non si tratta tanto di una memoria rievocativa del mito dionisiaco da parte del pensiero...

P.C.QUAGLIENI /C.ZULLO PICCOLI: L'ARGENTO DEI DIOSCURI A PAOLO MENON PER IL XXXVII PREMIO MARIO PANNUNZIO 2013

Torino, 23 novembre 2013. Queste le motivazioni del Premio sul saggio «Il bello di Bacco - Appunti di viaggio nelle eleganti terre enoiche dell'arte» di Paolo Menon, edizioni Centro Diffusione Arte, 2009, Milano.Paolo Menon, graphic designer, giornalista, scultore, ha esposto,...

SANDRO TORRISI: SOLO L'UOMO UMILE PUO' ESSERE PORTATORE DI LUCE

Osservando l’opera Portatore enoico di luce, dell’artista Paolo Menon, vi ho tratto l’impressione che solo l’uomo umile può essere portatore di luce. La figura umana ha tre caratteristiche: è nuda, l’assenza del vestito non permette di identificare...

L'ACCADEMIA BELLI DI ROMA PREMIA LA POESIA "SORSI DIONISIACI"

Questo il commento tecnico della Giuria del XXV Premio nazionale letterario d'arte e cultura Giuseppe Gioachino Belli 2013: «La poetica di Paolo Menon trasuda sogni, passioni ed emozioni con un linguaggio maiuscolo, particolarmente nella lirica dagli incisivi doppi sensi nell'eros,...

GABRIELLA CALLEGARI: PICK WICK INCONTRA L'AUTORE DE Ï¿ŒIL BELLO DI BACCOÏ¿Œ

«Avrei voluto, da bambino, che mio padre m’insegnasse ad apprezzare la maestria, lo stile, il colore, la fantasia degli artisti cui s’ispirava quando schizzava figure mostruose con la matita ovale da ebanista su grosse tavole di legno. Avrei voluto avere le sue mani grandi per...

CLAUDIO PINA: AFFINITÏ¿Œ, IO E IL CAVALLO

Una certa criniera selvaggia ce l’ha anche lui: è l’uomo cavallo chiamato Paolo Menon. Se il cane è il miglior amico dell’uomo, Menon è certamente il miglior amico del cavallo. Ma non facciamo troppa confusione. Conosciamoli meglio tutti e due, Paolo e il...

FRANCO FAGGIANI: UN VESTITO SEDUCENTE

Il termine, per ora, non esiste nel dizionario della lingua italiana. Ma suona bene: enografia. Il neologismo coniato da Paolo Menon nel suo Per vino e per segno sta a indicare il matrimonio artistico tra il mondo del vino e quello della grafica. L'unione, spesso felice e duratura, è...

CARLO M. GEREVINI: GUARDATE L'ETICHETTA, SPESSO C'Ï¿Œ L'ANIMA DEL VINO

Sensazioni, odori, suggestioni nelle carte di bottiglia dove capita di trovare il gotha della pittura del Novecento Il vino è un’arte antica, antichissima. Una ricerca continua, sempre in bilico tra innovazione e tradizione; per molti, la sublimazione dell’esistenza, nelle sue...

BEATRIX E. KLAKOWICZ PRESENTA A LECCO LA Ï¿ŒMATER ECCLESIAEÏ¿Œ DI PAOLO MENON

«Tacita un giorno a non so qual pendice / Salia d’un fabbro nazaren la sposa; / Salia non vista alla magion felice / D’una pregnante annosa; / E detto: “Salve?a lei, che in reverenti / Accoglienze onorò l’inaspettata, / Dio lodando, sclamò: Tutte le...

STEFANO COSMA: UN VOLUME ARTISTICO SULL'Ï¿ŒENOGRAFIAÏ¿Œ

Gorizia. A Gusti di Frontiera 2009, dove i sensi vengono stimolati da un tripudio di aromi, sapori, colori, al ritmo di note che inebriano e soddisfano il goloso visitatore, non poteva mancare la presentazione di un libro così. Ci riferiamo a Il bello di Bacco - Appunti di viaggio nelle...

FRANCO FAGGIANI: UNA CUVÏ¿ŒE RAFFINATA DEL SAPERE

Ha imparato l'arte e, non seguendo minimamente i consigli del proverbio, non l'ha mai messa da parte. Anzi, l'ha usata a piene mani e sempre con sapienza, a partire dal 1972, anno delle sue prime esposizioni. Più che di arte si potrebbe parlare di arti: scultura, pittura, grafica, design....

GIORGIO FALOSSI: COSA PUO' TRASCINARE UN ARTISTA SULLA VIA DI DAMASCO?

Non a caso nasce designer. La solita brutta parola che gli anglo-americani ci hanno imposto. Designer indica un professionista che si occupa di progettazione, un tipo che ha delle idee fuori dell’abituale che possono essere realizzate. Designer sta anche per creatività, il che...

APPUNTI DI MAURO REMONDINO SU 400 VINI PER 400 STILISTI DI BACCO

Le etichette del vino. Un abito indispensabile, talvolta d’autore. Un Bacco che diventa Centauro e sventola felice un grappolo d’uva fu la sorpresa creativa di Aligi Sassu quando nell’81 interpretò così il suo estro per le cantine Valfieri di Costigliole...

GIUSEPPE ZENTI, VESCOVO DI VERONA: Ï¿ŒLA VIA DELLA BELLEZZAÏ¿Œ

Mi è compito assai gradito presentare questa mostra in itinere dello scultore Paolo Menon che è ospitata nella nostra Cattedrale. Fin dal titolo: «L’uomo, da Dioniso a Cristo», essa richiama il confronto tra cultura greca e cristianesimo, vale a dire tra due...

PREMIO LETTERARIO "LIBRI DA GUSTARE"

Dalla passione di Paolo Menon, giornalista, artista e collezionista di etichette di vino è nata questa galleria di "arte vinaria". Si tratta di due volumi che raccolgono oltre 400 opere di grandi maestri e autori emergenti, tutte con un unico comun denominatore: interpretare il vino. Un...

BEATRIX ERIKA KLAKOWICZ: UNA «CRITTOGRAFIA» IN FORMA DI CROCE?

Tra le opere d’arte sacra di Paolo Menon suscita particolare interesse un Crocifisso, («Quando le parole uccidono», ndr.), composto dal solo corpus fatto di lettere e cifre, il cui colore argilla si stacca dal fondo bianco – simbolo di luce, purezza e perfezione -, che...


MARIA LUISA RICCIARDI: COME IN UN SOGNO SOLENNE IN BIANCO E NERO

E’ un sabato di fine luglio, caldo afoso. Alle cinque del pomeriggio ancora si bocheggia. La mia amica ed io percorriamo a piedi via Piva, rincorrendo i fili d’ombra lungo i muri, giù fino a Villa dei Cedri. Anche qui, varcato il cancello, dobbiamo attraversare un deserto di...

CARLO FLAMINI: QUANDO IL VINO SEDUCE L'ARTE

Per i cultori del vino considerare una bottiglia come un’opera d’arte forse non suona come stranezza, velleità, esagerazione. Per la maggior parte delle persone, anche coloro che si professano estimatori della bevanda bacchica, e a tavola non rinunciano mai a un buon bicchiere,...

GIAMPIETRO GUIOTTO: GLI DEI TRA VINO E CULTURA IN FRANCIACORTA

La mostra di Paolo Menon al Museo d'arte contemporanea Remo Bianco in Franciacorta di Monticelli Brusati (via Baiana 17) dichiara fin dal titolo, «Oinòdes», il richiamo all'archetipo del vino o all'essenza del vino, intesa come materia ossimorica del mistero della vita e...


DANIELE RAZZOLI: SUL VINO E SULL'ARTE

Oltre che un libro di rara bellezza, è anche assolutamente fuori dagli schemi: Per vino e per segno parla dell'incontro di due arti, quella del vino e quella figurativa. Il suo corpo è costituito da una galleria di etichette create da pittori e illustratori – tra il 1980 e il...

GIANFRANCO BERTOLI: DUECENTO ARTISTI IN ETICHETTA

Non è un caso se la prima etichetta fu realizzata, nei primi anni del Settecento, da Dom Pierre Pérignon per il suo Champagne. E non deve suonar strano che sia stato un monaco a pensare all’abito del vino, giacché nell’Abbazia di Hautvillers è stato...

MICHELE AVOLA: IL SAPORE DI UN'OPERA D'ARTE

Colore: rosso amaranto. Profumo: intenso, persistente. Con una piacevole nota di lamponi e mirtilli. Gusto: avvolgente, vellutato. È così che si presenta un Chianti Classico, anno 1997, all’occhio, all’olfatto e al palato. Ma oltre alla struttura del vino, alla...

MARCO BEVILACQUA: LA GRANDE ARTE DEL BUON VINO COMINCIA DALL'ETICHETTA

Vi ricordate quando il vino era solo la bevanda da tavola alternativa all’acqua? Non sono passati molti anni da allora. Era l’Italia dei vini grezzi ma genuini, del fiasco sotto la pergola dell’osteria, delle damigiane di rosso comprate dal contadino, delle trattorie con il...

GIORGIO BERTONI: L'ARTE DI "ETICHETTARE"

E' difficile definire cosa sia esattamente Per vino e per segno: un libro sulle etichette di vino? Un libro d'arte? Un libro-testimonianza sul connubio arte-vino-grafica? In realtà, quest'opera è una summa di tutte queste sensazioni insieme. E non potrebbe essere diversamente, se...

ALBERTO P. SCHIEPPATI: QUEL SUPPLEMENTO DI RAFFINATEZZA GRAFICA

(…) Ed è proprio sull'argomento del packaging che va sottolineata l'ultima novità di casa Bozza, comunicata proprio in occasione del ventennale: un anniversario così importante meritava infatti di essere celebrato e festeggiato con un'azione concreta, come è...

CLAUDIO PINA: VESTIRE IL VINO CON ARTE

Eccolo trovato, Paolo Menon, nel suo studio sulle colline di Perego, nel lecchese, in atteggiamento che uno scacchista potrebbe definire di "arroccamento", avvolto in un’atmosfera parigino-inglese (esiste?) di fine secolo, con quella finestra sul maneggio e bosco, tra silenzi e profumi...

UMBERTO GAVINELLI: IL SENSO APTICO NELLE SCULTURE DI MENON

E' con riconoscenza e gratitudine che desidero pubblicare integralmente il testo critico su alcune delle mie sculture, scritto nel giugno 2008 dal critico d'arte Umberto Gavinelli, tragicamente scomparso nell'agosto dello stesso anno. Sono certo che dal testo, il lettore potrà cogliere la...

DON STEFANO PERETTI: L'ARTE SACRA DI MENON EVOCA ED EDUCA

Sant’Agostino parlando del canto nella Chiesa fa il paragone con una calzatura, dicendo che essa deve essere sì bella, ma soprattutto funzionale, alla stessa stregua del canto che deve far meditare e pregare.

L’arte sacra di Menon è «funzionale» alla...


IL BORGHESE.: MILLE RACCONTI A BRIGLIA SCIOLTA

Una passione, un amico e una vita da raccontare. Ecco Gente di cavalli, mensile di cultura equestre dalla grafica innovativa, le immagini ricercate e tante, tante storie. “L’idea”, spiega Paolo Menon, direttore ed editore della rivista che tira trentamila copie ed esce i primi...

RINO BOZANO: TECNOLOGIA E TRADIZIONE

Una bella casa immersa nel parco di Montevecchia, zona verde e tranquilla della Brianza a quaranta chilometri da Milano, il vero cuore dell’editoria moderna. E’ qui che vive e lavora Paolo Menon, 46 anni, art director molto conosciuto nell’ambiente: ha firmato progetti...

ENRICO CASARINI: STILE MAX

Dall’ideale semplicità della colonna neoclassica all’esplosione libera e liberatoria dei colori e degli stili: Max ha camminato speditamente lungo le strade della grafica, rinnovandosi spesso e innovando nel mondo dei giornali. E domani? Altre novità.Grafica e...

ALBERTO ZAINA: LA Ï¿ŒMETAMORFOSI DI AMPELOÏ¿Œ DI MENON S'ISPIRA A NONNO DI PANOPOLI

Otan pino ton oinon eidusi ai merimnai, «Quando bevo il vino scompaiono le preoccupazioni», recita il greco Anacreonte. Il vino e i vetri scintillanti dove le fitte bollicine solleticano il palato ed evaporano lentamente muovendo con i loro profumi i sensi nella nostra...

DON STEFANO PERETTI: NEL CALICE Ï¿ŒGETSEMANIÏ¿Œ CRISTO HA ABBANDONATO LA CROCE

La materia del calice e il ruolo delle figure rimanda alla macerazione dell’umanità di Cristo e dell’essere umano di tutti i tempi nella sofferenza, tale e quale nell’esprimersi del cigolio delle ruote di pietra che pigiano le olive.

Come non pensare che il...


MARIO BORGESE: L'INFLUENZA DEI MATERIALI E IL LORO EVOLVERSI NELLA CIVILTA' UMANA

Menon è scultore e come scultore, al di là dei contenuti del suo lavoro che derivano da una conoscenza profonda attraverso gli studi e le ricerche su ciò che è mito e ciò che è rito come cifra che rende valida l’azione, si pone il problema, non...

GIORGIO FALOSSI: PREFAZIONE A DEI TIRSI DIVINI DI PAOLO MENON

Dioniso: e con questa arte ricostruirò il tuo tempio. Ed il compito è toccato a Paolo, folletto del bello e a Menon, architetto della scultura. Una mente capace di coinvolgere gli antichi pensatori sino agli ultimi esponenti della Pop-art americana. Perché lui ha la forza...

GASPARE MURA: PREFAZIONE A DEI TIRSI DIVINI DI PAOLO MENON

La caratteristica culturalmente più rilevante di tutta l’arte rinascimentale italiana è stata certamente quella di riconoscere nei miti e nelle figure del mondo classico greco-romano una prefigurazione dell’evento evangelico. Del resto, tutto il Medioevo, e lo stesso...

BERNARDINO ZAMBON: L'ARTE TRA MITOLOGIA BACCHICA E CONTEMPORANEITÏ¿Œ ENOICA

Il contributo del Comune di Valdobbiadene per la realizzazione dell’evento "Dei Tirsi Divini" riepiloga un percorso di attenzione al rapporto originale tra l’amministrazione del territorio e l’anima culturale e storica che in esso eternamente incede.In molte circostanze il...

MARTINA CORGNATI: PAOLO MENON TRA ARTE E VINO

Poeti e divagatori, astratti e figurativi, concettuali e patafisici, espressionisti e nuovi inselvatichiti del colore e delle forme. Non hanno certo molto in comune ( se dicendo “molto” pensiamo, come ci è abituale, allo stile…) le preziose perle dell’imponente...

«OINODES»: RIFLESSIONI SUI BACCANALI D'OGGI NELLA REALTA' GIOVANILE

Intervento critico della prof. ssa Marta Mai.
Paolo Menon è un artista speciale ed unico per la passione con cui indaga il tema «Vite e Vino», che nella mostra Oinodes (che sa di vino) diviene ricerca approfondita. Il risultato è emozionante per il sostrato...


«OINODES»: WHAT WILL REPLACE THE MONOCHROME TO COLOU

Everything seems to be made of bronze in the works of Paolo Menon and it’s only by touch that you can say if it’s simulated or authentic metal.

In a little bronze sculpture, Ampelo, the young loved one of Dionysis, unfortunately killed while picking grapes from a vine...


«IL DANZATORE ENOICO» DI PAOLO MENON IN MOSTRA AL COMPLESSO DEI DIOSCURI DEL QUIRINALE PER I 150 ANNI DELL'UNITA' D'ITALIA

In occasione delle celebrazioni per i 150 anni dell'Unità d'Italia, le città di Torino, Roma e Firenze, nonchè tutti gli Istituti Italiani di Cultura nel mondo sono stati protagonisti e testimoni della storia e della cultura del nostro Paese, presentando eventi, mostre,...